Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

multilingua


PAGINA CORRENTE: CITTA' DI PRATO/MUSEI  E LUOGHI DI INTERESSE

Prato – centro storio e città moderna

Musei e luoghi di interesse

I musei di Prato
Prato dispone di vari musei ed esposizioni molto interessanti. Di seguito abbiamo raccolto informazioni sui musei principali.
Al museo civico riaperto nel 2013 abbiamo dedicato una pagina apposita in questo sito. Vedi qui>>>

Per ottenere ulteriori informazioni realtive ai musei pratesi potete collegarvi con il sito www.prato-musei.it

Museo del Tessuto

Il Museo del Tessuto di Prato è interamente dedicato all'arte e alla tecnologia tessile. Comprende oggetti notevoli e di alta qualità tratti da collezioni diverse. 

Dopo la sua fondazione nel 1975 grazie a una donazione del collezionista Loriano Bertini,  il museo ha sempre continuato a crescere per via di apporti pubblici e privati. Oggigiorno ci si trovano oltre seimila campioni di tessuti provenienti da tutto il mondo. Il nuovo museo occupa gli ambienti restaurati della "Cimatoria Campolmi Leopoldo e C.", gioiello di archeologia industriale del XIX secolo, situato all'interno della cerchia muraria medievale della città. L'intero complesso architettonico è composto da una corte rettangolare, al centro della quale si trova una grande vasca d'acqua e una ciminiera in mattoni costruita nel 1896.

Un'ala è stata scelta per ospitare il Museo del Tessuto mentre il resto del complesso ospita la sede della biblioteca comunale Lazzerini. Oltre ai reperti tessili, il Museo conserva macchinari e strumenti di preparazione alla tessitura.

Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci

Il Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci di Prato è il più importante museo di arte contemporanea della regione Toscana.

Voluto dal Cavaliere del lavoro Enrico Pecci, in memoria del figlio Luigi, il museo fu fondato dal Comune di Prato, da varie aziende e cittadini privati su progetto dell'architetto fiorentino Italo Gamberini per presentare, collezionare, documentare e promuovere le ricerche artistiche più avanzate.

Dalla sua apertura (nel giugno 1988) ha prodotto una vasta attività espositiva, didattica, di documentazione e informazione sull’arte contemporanea, ha proposto e ospitato numerosi spettacoli ed eventi multimediali e raccolto un grande patrimonio di opere. La raccolta, composta da oltre mille opere, presenta al meglio le tendenze e gli sviluppi dei linguaggi artistici contemporanei. E’ attualmente in corso di realizzazione il progetto d’ampliamento del museo.

Negozio Antonio Mattei

Il negozio di Antonio Mattei fu aperto nel 1858. Qui si producono i tipici biscotti di Prato cioè Cantucci (chiamati anche Mattonelle).

La ricetta dei biscotti e´ ancora segreta ma si sa che gli ingredienti principali sono farina, zucchero, uova, la scorza del limone e ovviamente le mandorle! Normalmente i cantucci vengono serviti con Vin Santo (un vino dolce). Nel 1908 il negozio passò nelle mani della famiglia Pandolfini che lo gestisce ancora.

Il negozio si trova nel centro storico, in via Ricasoli, ed è affollatissimo. Qui si possono acquistare, oltre ai tipici biscotti pratesi, altre specialità come i Brutt iBuoni oppure la torta mantovana.